Dialogo col nonno 21


Con la badante

– Ciao Nonno, io sono Giulia. Starò con te tutto il giorno.
– Ciao Giulia, tu sarai il mio futuro.

 

Annunci

Dialogo col nonno 16


per le precedenti puntate clicca qui

Domenica. Ore 08:10. Squilla il telefono. Sullo schermo del Lumia il seguente nome: Nonno Frank. Troppo presto. Non si risponde per principio.

Domenica. Ore 08:30. Stesso squillo sullo stesso telefono. Cosa più preoccupante: è lo stesso nome che chiama.

–       Pronto.
–       Ninooooooooooooooo (che sarei io)
–       Ciao Frank (che sarebbe mio nonno)
–       Ti ho chiamato prima.
–       Sì, lo ricordo.
–       Non mi hai risposto però.
–       Sì. Ricordo anche questo.
–       E come mai?
–       Dormivo Frank…
–       Hai fatto tardi ieri?
–       Sì, un po’…
–       Beh, e io non lo sapevo. Altrimenti avrei evitato.
–       Certo, certo, lo so.
–       Ora sei sveglio?
–       Insomma…
–       Vuoi che ti richiami tra un pò? Tra una mezz’oretta?
–       No no. Mai sia. Dimmi tutto. Adesso.
–       Senti Nino, ti volevo chiedere una cosa…
–       E dimmela, mi sembra l’orario giusto…
–       Mi devi comprare uno dei quei cosi dove si sente la musica?
–       Che cosa? Un mp3?
–       No. No. Come si chiamano, quelli moderni, quelli che si mettono nello stereo…
–       Un cd?
–       Eee, bravo. Un cd.
–       E di chi?
–       Di Amy “Uainàs”.
–       Di Amy Winehouse?
–       Sì, lei. Ieri ho sentito un concerto in televisione. Ma brava eh… che voce… peccato, povera figlia che è morta…
–       Un gran peccato, è vero.
–       Io ho chiesto a tuo fratello. Ma ha detto che qui non esistono i cd. Se no me lo facevo prendere da lui.
–       Sì, lo avevo sentito che a Bari i cd si fossero estinti.
–       Ah Nino, amore, e poi un’altra cosa…
–       Dimmi.
–       Se puoi trovare delle bretelle
–       Delle bretelle?
–       Sì, delle bretelle. Doppie però. Come quelle che c’avevi tu l’altra volta.
–       Va bene. Le cercherò. Nient’altro?
–       No, no. Niente. Beh riposati adesso, va bene?
–       Va bene Frank. Buona giornata. Anzi, buonanotte.
–       Ciao amore. Ciaooo. Ciaoooo. Amore. Ciaoooo.