Ametista Lostagista e la tutor Gianna


sempre il primo giorno

– Ametista, lei invece è la tua Tutor…

– Ciao Ametista, ben trovato. Io sono Gianna.
– Ciao Gianna, piacere, Ametista.
– Come stai?
– Bene, bene. Ho iniziato a conoscere un po’ di colleghi.
– Ah, benissimo… non temere comunque. Domani conoscerai anche me.
– Domani? E perché domani?
– Domani sarà una conoscenza approfondita. Oggi invece, sommaria. Tra poco devo uscire. Ho un impegno importante dal quale non posso proprio esimermi.
– Capisco…
– Lo vuoi sapere? Dai, te lo dico. D’altronde è giusto che iniziamo a condividere dei segreti.
– Certo, l’ufficio è il luogo ideale. Dimmi pure…
– Sai, esco prima, perché devo accompagnare la mia bambina dal dottore.
– Uuu, poveretta. Perché, cosa ha? Non sta bene?
– No, no. Sta abbastanza bene. Però ha una visita medica molto delicata.
– Accidenti. Quanto ha la tua bambina?
– 28.
– 28 mesi? Ma è piccolissima. Beh, fai benissimo ad andare via prima…
– No, no. Ha 28 anni.
– 28 anni?
– Sì certo, e non me la sento di lasciarla da sola durante questa visita pericolosa.
– Che tipo di visita?
– Deve affrontare dal dermatologo molti inestetismi della pelle.
– Dei foruncoli? Dei brufoli?
– No, macchè… degli inestetismi… inestetismi.
– Ah, certo. Inestetismi.

– Ma scusa Ametista, mi guardi stranito. I tuoi genitori non vengono con te dal dottore?
– Sì, qualche volta vengono. Non per gli inestetismi però. Anche perché, grazie a Dio, non vado molto spesso dal dottore…
– E ma dovresti andarci un po’ più spesso…
– Beh Gianna, se io ci vado poco, mi fa piacere comunque…
– Sì, sicuramente. Però probabilmente tu nella tua vita sei stato molto fortunato.
– In che senso?
– Sicuramente in vita tua non hai mai dovuto fronteggiare gli inestetismi della pelle.
– No, queste cose terribili, no. Grazie a Dio, no.

– Però Ametista, a ben pensarci, hai davvero dei genitori crudeli.
– Perché?
– Perché dei genitori non dovrebbero permettere ad un ragazzo di 28 anni, di andare da solo dal dottore…
– No Gianna, non sono crudeli. Sono calabresi. Per venire dal dottore con me dovrebbero fare 1200 chilometri…
– Come dici tu… va bè, io vado comunque. Non vorrei far tardi.
– Certo Gianna, va pure.
– E mi raccomando, non dire a nessuno il nostro segreto. Ok?
– Te lo giuro sulla mia pelle. No va bè, facciamo sul mio onore.
– Grazie Ametista. Domani facciamo la nostra conoscenza approfondita, ok?
– Perfetto Gianna. A domani. Ed abbi cura della bambina…

Annunci

Riflessioni eterozigote dopo un concerto dei Depeche Mode


Un mio amico drammaturgo mi ha rivelato che per tutta la sua giovane vita ha creduto che le parole precedenti al ritornello di Personal Jesus fossero: “Richard touch friends !”. Giovedì scorso, durante il concerto dei Depeche Mode, ho pensato al piccolo Riccardino, guardingo e lesto, che tra un’estasi e l’altra del pubblico, provava a palpare gli astanti. È a lui e al mio amico drammaturgo infatti, che vorrei dedicare queste riflessioni estemporanee   ahimè postate in ritardo.

– Dave Gahan oltre ad essere una rock star è anche un innovatore. È uno dei pochi cantanti che suona un oggetto che non può suonarsi: l’asta del microfono.
– Dave Gahan è la dimostrazione dell’infondatezza sulla pericolosità delle droghe. Le droghe fanno benissimo. Se i risultati delle droghe sono le performance di Dave Gahan, drogarsi è formativo e costruttivo.
– Dave Gahan ha qualcosa di Ibrahimovic anche perché Zlatan è l’uomo con più sosia al mondo. Compresi i formichieri.
– Dave Gahan tiene il palco meglio di Papa WoJtyla.
– Dave Gahan ha scoperto il segreto della magrezza ed Iggy Pop non ne sarà sicuramete felice.
– Dave Gahan sta ai gilet come Venditti sta ai Ray-Ban a goccia.
– I Depeche Mode senza il suo cantante sarebbero arrivati massimo a Castrocaro. O al Festivalbar. O per essere democristiani, difficilmente avrebbero costantemente riempito gli stadi.

Spregevolezze


Nella classifica delle spregevolezze maggiori del globo
primeggiano i tizi
che in un luogo semi silenzioso
stridono i denti e le labbra
e fanno il seguente rumore: mff.

È un rumore che può assumere molte sfaccettature.
Può diventare: mffz.
Oppure: mffpzz.
Ma limitiamoci qui.

La spregevolezza è data perlopiù
dalla frequenza con cui costoro,
da ligi spregevoli, quali essi sono,
fanno il rumore spregevole.
Quasi mai si accontentano di farlo una volta sola.
Imperversano, scostanti, in cadenzati: mff. O: mffz. O: mffpz.

Lo fanno finchè ti giri a guardarli
per ammutolirli col tuo sguardo cattivo
avendo in compenso, senza parole aggiuntive,
soltanto una sillaba grama:
Mffz.