L’amore ai tempi degli Hipster vol. 4


I piedi freddi, nel piumone caldo, d’inverno.

Dopo Stevie Wonder il buio (e non volevo essere ironico).

Le Katia con le k.

Le signore affacciate alle finestre chiuse dei piani terra.

La trascurata essenzialità del ;

Le foto a spruzzo di Audrey Hapburn e Maria Callas nelle stanzette delle studentesse universitarie.

L’influenza degli Articolo 31 sulla vita dei trentenni milanesi.

L’espressione “non per fare polemica”, inevitabilmente seguita da una polemica.

Le passeggiate col freddo polare per far fare le cacchette al cane.

Le uscite senza meta di domenica sera, quasi sottozero, come risposta agli attacchi di disagio.

Ma tipo, il Dalai Lama, nella vita, che fa?

La poca luce nelle case al primo piano.

Una vita di rimpianti nel non saper fischiare come Heidi e il suo amico Peter. Ma poi, perché se Peter si chiama Peter, Heidi e il nonno lo chiamano Peta?

Le attese in macchina in attesa del primo bacio.

I gadget regalati alle fiere che hanno lo stesso effetto dei dolci ai matrimoni.

Ci vorrebbe più onestà nella creazione delle boy band. Bisognerebbe dire fin dall’inizio, chiaramente, che ad un certo punto qualcuno diventerà famoso, abbandonerà il gruppo e condannerà gli altri componenti ad un triste e perenne oblio.
Chi si ricorda i nomi degli “altri” ‘N Sync o delle “altre” Destiny’s Child?

Le foto dei boss mafiosi di 20 anni fa.

I Giacomo nati a Milano che diventano inesorabilmente Jack.

Quelli dell’acqua a temperatura ambiente anche quando l’ambiente fuori è di 50 gradi.

L’inverno in ufficio che ti permette di non stirare più le camicie.

La finta conoscenza che si finge quando ti nominano un Dj:
– Suona Alex Cherrish.
– Ah, certo, un mito lui.
L’accondiscenza maggiore che si mostra se il cognome ha sonorità germaniche.
– Suona Alex Cherrishenger.
– Ah, certo, lui è il mio mito personale.
In entrambi i casi, del buon Alex,  non si è mai sentito parlare.

Le recite dei figli a Natale.

L’incongruenza dell’indaco.

Immaginare il tempo fuori in base ai rumori delle macchine.

L’effetto che fa il tuo balcone, chiuso.

L’amore ai tempi degli Hipster vol.3


Le porzioni di riso giuste.

La bellezza di svegliarsi durante una sosta in autogrill e chiedere: dove siamo?

Fino a quando dureranno le cabine telefoniche?

Visto che i tag e il racconto virtuale di noi stessi non è sufficiente, facciamo un po’ di screenshot e postiamo conversazioni, sempre su/di noi stessi, fatte sullo smartphone…

I segni di croce degli anziani di fronte alle chiese.

L’imbarazzo immotivato di quando trovi qualcuno accanto a te, in un bagno pubblico, che fa la cacca.

Son nato in un’epoca in cui si ambiva a diventare uno status symbol. Mi ritrovo a vivere in un’epoca in cui si vorrebbe diventare uno status di Facebook.

I cani che si chiamano Whisky.

Le somiglianze tra cani e padroni, come quelle tra stagisti e responsabili;

La ritrosia nell’uscire da un gruppo di w.app.

Guardie e like, giochi dei pischelli tecnologici moderni.

Il merluzzo surgelato-scongelato, i fagioli e l’insalata, sono la trasposizione culinaria della vittoria della domenica sull’uomo.

L’ingiustizia del Chi segna Vince.

Una delle tante colpe sottovalutate ed occulte di Silvio Berlusconi è l’averci fatto associare “Take five” al faccione di Ennio Doris.

Hai studiato all’esame? No no. Non so davvero un cazzo. Le premesse perfette per un buon 30 e lode

L’espressione dei genitori detta in età adolescenziale: “è orario”. Non importa che orario fosse, o quali fossero stati gli accordi sulla ritirata. Quando “era orario” ci si doveva ritirare. E basta.

Il dolore sotto gli zigomi quando ridi troppo.

I tizi che dicono le previsioni del tempo alla Rai. Sempre anacronisticamente con la divisa.

Nordafricani di seconda generazione che ballano Battiato in Metro.

Gattino come adesso non lo sono stato miao. Ma quando mezzanotte viene…


Modern drama

Il dramma delle donne belle con le gambe grosse.

Il dramma di non aver mai più trovato un paio di scarpe belle come le Gazelle dei tuoi 15 anni.

Il dramma del pensiero laterale e delle persone che camminano storte per trovarlo.

Il dramma dei dj nei negozi, ormai indispensabili.

Il dramma dei cicciobomba col sudore acido, relegati in stanze appartate degli uffici.

Il dramma della nebbia, che per chi è nato da Cesena in giu, (se non guida) sempre e per sempre avrà il suo fascino.

L’amore ai tempi degli Hipster vol. 2


per leggere il precedente vol. conservato nelle migliori edicole Clicca qui 

Il suono crescente del gorgoglio della bottiglia che si riempie.

Semi-trentenni che vendono i vocabolari sui gruppi Facebook del loro liceo.

Il rumore squillante delle tazzine che si impilano, l’una sull’altra, al bar.

Le spese di merda sul carrello dell’Esselunga, alle quali non si può contestare nulla. Son spese loro. E loro malattie intestinali. C’è il tizio che compra sei bottiglie di Coca Cola e un pacco di patatine; c’è lo studente che compra carne talmente brutta e grassa da indurti al macrobiotico; c’è la mamma di famiglia che inizia a scaricare il carrello e non sai se potrà mai finire; ci sono i prodotti del cinese, che entro qualche ora saranno tutti fritti.
Puoi solo vederli. Quelli del cinese e tutti gli altri. Ma non puoi dirgli niente. E grazie a Dio, neanche mangiarli.

La diversa predisposizione all’abito dei consulenti aziendali.

Le persone che scrivono sul celluare e camminano. Vagano come zombie. Sei tu che devi scansare loro. E se accidentalmente li urti, loro fanno i risentiti.

La signora che da sei mesi corre con un passeggino-tandem con due gemelli. Tutte le mattine. Ma cazzo, non puoi svegliarti due minuti prima?

Sedicenti seienni nei passeggini, trainati da mamme che ovviamente sudano.

Il passamani degli autobus: caldo.

L’odio per chi parla solo per metafore. Tanto va la gatta, sopra la panca, a caval donato, tra il dire e il fare, paese che vai, mogli e buoi, mal comune, una mela al giorno…

Massima compassione e solidarietà per chi compra la pizza e la mangia sul bus.

Faulkner come rimedio agli asterischi e alle chiocciole.

Ad ogni puntata di Porta a Porta, cresce proporzionalmente il rimpianto di non esser nato a Nairobi.

L’oceano dei contatti di Facebook non considerati, quelli messi sotto la barra di visualizzazione della chat.

Scrivere Porco Dio ma farlo in modo rispettoso, con la D maiuscola.

Le foto del clima su Facebook, di oggi e dei prossimi sei giorni, così, giusto per stare tranquilli…

La frase dei proprietarari/accompagnatori dei cani mastodontici: sí ma è buono

La dote innata datami dal Signore Gesù di riuscire a scegliere solo e soltanto le casse lente al supermercato.

L’assenza dell’importo desiderato allo sportello del bancomat. Alcuni sportelli ad esempio, ti scherniscono. Si possono prelevare magari anche 7000 euro. Se però vuoi cinquanta euro, ti compare la fatidica frase: importo non disponibile.

Il viso della guardia giurata all’interno dello schermo di sorveglianza della banca.

Incontrare persone al mattino che puzzano di “sonno”.

La pigrizia atavica nel preferire a sudare piuttosto che sfilarsi il giubbotto, nei mezzi pubblici.

La sciarpa lunga e colorata sull’abito.

La speranza che tra le 16000 notifiche che leggi al mattino sul water, ce ne sia qualcuna interessante. Non la metà. Né la totalità. Qualcuna. La speranza di trovare un suo like, un suo messaggio, uno suo squillo, da inguaribile pre-digital 90’s. Per poi trovarsi al mattino a fronteggiare la giornata con un invito a giocare a Criminal Case!

L’amore ai tempi degli Hipster vol.1


Grandi soddisfazioni nel vedere un tizio afro. Sempre lo stesso. Dieci volte al giorno. In contesti diversi della città. La CIA continua a saper lavorare molto bene.

La mia vita a Milano procede di pari passo col crescere dei rasta di un tizio.

È dura essere bassi e lucani e provarci con le olandesi.

Quelli cosi bassi da non riuscire ad accedere alle tendine parasole della macchina.

Che paura che mi fanno le vite e le vostre bacheche, impilate e impostate come adolescenti sessantenni.

Il t9 è un dramma moderno. In quanto tale, va interpretato.

Il sindacato a che serve?

Perché in giro si vedono così tanti pastori tedeschi e così pochi pastori belga, abruzzesi, albanesi, maremmani? Anche i cani, in Germania, come le macchine, il welfare e le birre, sono migliori?

Le invasioni di Francesca su Whats’Up. Non esiste una sfilza di nomi così lunga…

L’incontenibile voglia di non fermarsi ad una fermata, di voler continuare a camminare, di arrivare all’altra fermata, alla prossima fermata. Per trovarsi dopo pochi secondi a braccetto con la tempesta perfetta.

È quando ti accorgi che anche il sarto cinese ha più ferie di te, allora sei davvero un consapevole attore dei tuoi tempi.

La zaffata di chiuso che esce dall’interno della sartoria cinese, ogni mattina.

Il problema della mia vita è che assocerò per sempre, il biondo ossigenato a Pippo Pancaro.

L’ho capito tardi ma l’ho capito. A me il bricolage fa cacare.

I cartelloni con “Attento al cane” o “Attento ai cani”, senza l’ombra di un animale dentro.

Gli starnuti dei bus e dei tir, una volta a riposo…

Dove e quando finiscono i punti neri? (sul naso)

Surfare nell’idroscalo, vi giuro che c’è gente che lo fa, è come avere un Harley Davidson ed impennare sul balcone.

I messaggi alle tre di notte che ci fanno fare le cazzate. Le grandi cazzate.

Foto di nipoti come foto profilo, foto di nipoti di profilo.

Mi hanno fatto un sacco di auguri. Su Facebook.

La quantità di volte che le femmine bone inseriscono in una conversazione le tre parole: il mio ragazzo. Alcuni esempi:
Femmina brutta:
Sì, possiamo anche vederci per una birra, non c’è problema. Ad una certa però, devo controllare il sistema di notifiche del mio cellulare per vedere se svolge il suo corretto utilizzo o se si inceppa.
Femmina normale:
Sì, possiamo anche vederci per una birra, non c’è problema. Ad una certa però, mi vedo col mio ragazzo. Sai, fa il pugile professionista, il mio ragazzo, e non ci vediamo mai, io e il mio ragazzo.
Femmina bona:
Il mio ragazzo, sì, possiamo anche vederci, il mio ragazzo, per una birra, non c’è problema il mio ragazzo. Ad una certa però, il mio ragazzo passerebbe a prendermi, il mio ragazzo. Sai, sono fidanzata. L’avresti mai detto?